Ex zecca dell’Austria Anteriore, oggi municipio della

Ex zecca dell’Austria Anteriore, oggi municipio della

Nel 1764 la città fu scelta come sede per la costruzione di una zecca asburgica. Fattori importanti per tale decisione furono l’ottima posizione all’interno della rete di comunicazioni del tempo, la cascata della Günz e i suoi affluenti e la vicinanza ad Augusta, città dalla quale si importava il metallo necessario per la realizzazione delle monete. Al piano terra del palazzo progettato da Joseph Dossenberger e terminato nel 1767, in una grande sala si trovavano quattro cosiddette presse a vite con le quali si coniavano principalmente monete d’argento; ai piani superiori c’erano invece gli uffici amministrativi. La moneta con la più lunga validità di tutta la storia del denaro fu realizzata qui: il famoso Tallero di Maria Teresa, che fino al 1945 era ancora moneta legale in Etiopia. Ciò è dovuto soprattutto al fatto che il suo peso di 23,389 grammi e il suo fino (833,333) non furono mai modificati.
Le monete di rame venivano realizzate in una seconda zecca che si trovava fuori dalle mura cittadine, insieme a una fabbrica di ferro e un istituto di lavorazione dell’argento. Nel 1805, con l’invasione da parte delle truppe francesi e il passaggio della città a possedimento bavarese, nella città non furono più realizzate monete. Già dal 1809 la costruzione fu adibita a municipio della città e i suoi interni furono modificati con numerosi interventi di ristrutturazione.

Google Maps